CHE LIBRI LEGGETE?

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
RigolettoMSC
Messaggi: 3850
Iscritto il: 21 mar 2009, 16:17

Re: CHE LIBRI LEGGETE?

Messaggio da RigolettoMSC » 17 lug 2022, 19:29

Garry ha scritto:
17 lug 2022, 18:33
Non so se si leggerà, ma questo dice Pastonesi del libro di Calandri:
.......
Si legge... :-]
Riccardo

Garry
Messaggi: 23936
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: CHE LIBRI LEGGETE?

Messaggio da Garry » 29 lug 2022, 19:05

Consiglio:


Immagine
"Draghi l'hanno cacciato i 5s, Salvini e Berlusconi. Il resto sono puttanate per intelligentoni.
jpr

Garry
Messaggi: 23936
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: CHE LIBRI LEGGETE?

Messaggio da Garry » 2 ago 2022, 11:55

Non è un libro, ma è l'interessante recensione da parte del linguista Fabio Marri, docente dell'Università di Bologna e anche podista-maratoneta, del numero di debutto della rivista di studi «Scritture e linguaggi dello sport».

Eccola: http://podisti.net/index.php/commenti/i ... -ifWxXtqs4

Se non avete tempo di leggerla tutta vi segnalo solo la parte dedicata al pezzo “Baricco e il rugby. Spettacolo, straniamento e ‘cuore’ delle cose" (autore Paolo Briganti, già prof. di Letteratura italiana moderna e contemporanea all'Università di Parma - ne so qualcosa :lol: - ed ex rugbista).
Una lieve e delicata stroncatio del tanto osannato Baricco.
La riporto qui:

"...Ma intanto, non posso congedarmi dal fascicolo da cui ho cominciato senza raccomandare la lettura di uno degli ultimi contributi, finalmente una recensione dove non si annuncia genuflessi e conniventi il nuovo Manzoni o Tolstoi o Proust (come si fa invece ogni settimana sui supplementi mondano-letterari del Corriere della sera), e piuttosto, come diceva Foscolo, si sfrondano gli allori di quanti sfornano il loro romanzetto mensile o – appunto come si diceva sopra - da ombrellone.

Questo godibilissimo saggio di una quindicina di pagine è dovuto a un critico e docente universitario parmigiano, Paolo Briganti, che fino a un brutto incidente faceva il rugbista, mediano di mischia in serie B, e da quando ha compiuto 70 anni gareggia nell’altro suo amore sportivo, il nuoto (un mese fa è arrivato 4° ai campionati italiani master di Riccione nei 100 rana). Proprio le sue competenze di rugby, confrontate con le improvvisazioni dilettantesche (o per dir meglio, professionali, nel senso commerciale del termine) di un venerato maestro letterario, l’hanno costretto a cantare chiaro in Baricco e il rugby. Spettacolo, straniamento e ‘cuore’ delle cose, a proposito di due “cronache” di rugby, poi immancabilmente raccolte in volume, che fin dai titoli All Blacks: la ballata del rugby e La danza violenta del rugby dimostrano approssimazione e voglia di stupire, senza badare troppo alla veridicità. Dunque, poco importa se si confonde Tolone con Tolosa, se si definisce “pilastro” quello che tecnicamente è un pilone, se si cita a sproposito Franco Califano, se la cronaca riesce a sbagliare il risultato (23-7 anziché 23-12) perché il cronista, comodamente accoccolato sulla panchina azzurra, si perde una meta; e rompe anche le scatole ai giocatori come testimonierà uno di loro, Matteo Mazzantini, cui toccò persino la sgridata di un alto dirigente federale: “Non sai chi era quello? – Era un rompic** - Ma quale rompic**, quello è Alessandro Baricco! Il c******* sei tu!”.

Per compensare i giocatori della rottura, alla fine del suo articolo Baricco esalterà il loro “cuore e marroni” (“che poi maroni con una sola erre sarebbe stato più efficace”, osserva Briganti), notando come gli azzurri, sconfitti, “escono dal campo con gli inglesi che li applaudono”, cioè col cosiddetto onore delle armi. Senza sapere che accade così in tutte le partite di rugby; ma d’altronde, da un pianista che non è mai disceso a terra dall’oceano, non si può pretendere troppo".


Argh... :lol:
"Draghi l'hanno cacciato i 5s, Salvini e Berlusconi. Il resto sono puttanate per intelligentoni.
jpr

RigolettoMSC
Messaggi: 3850
Iscritto il: 21 mar 2009, 16:17

Re: CHE LIBRI LEGGETE?

Messaggio da RigolettoMSC » 2 ago 2022, 17:02

A me Baricco è sempre stato cordialmente sui maroni (con una sola "r" come usano dire i miei amici modenesi :P ) ho anche provato a leggerlo, una sola volta, era "Seta" e per me è risultato illeggibile, non ho più avuto il coraggio di leggere altro.
Baricco ha aperto la porta ai "narratori da tv", su Sky c'è ne sono due o tre che prendendo qualche vecchia storia di sport, si informano, un pochino ma non troppo che se no rischi di passare per saccente, mescolano con un bel po' di retorica (almeno un bel 60% se no sono solo semplici storie di persone che fondamentalmente non interessano a nessuno) ed ecco confezionata un'oretta di trasmissione a costo praticamente zero.
Pare che sia un genere che tira, io non li seguo ma sono molto invidioso perché sono sempre stato un cialtrone scansafatiche e la lingua lunga non mi è mai mancata, praticamente il lavoro perfetto per me. :cry:
Riccardo

Rispondi

Torna a “Chiamate la Neuro....”