ITALIA - SUD AFRICA

Moderatore: jpr williams

Garry
Messaggi: 10766
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da Garry » 6 ott 2019, 11:30

Ettore73 ha scritto:
6 ott 2019, 11:28
Garry ha scritto:
5 ott 2019, 11:36
Le Zebre sono una franchigia di sviluppo, sono costrette a una certa rotazione. Otterranno risultati quando i nostri giovani saranno “pronti” già a 20 anni. La strada è ancora lunga
Sarebbe come aspettare il messia...farli giocare intanto e se non vanno, tornano a giocare nei tornei minori. La media dei nostri nazionali si è abbassata, ma è la deviazione standard che preoccupa.
Va anche detto che nelle due franchigie di solito i migliori in campo, stranieri a parte, sono quasi sempre i cosiddetti "giovani"
L'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo, mentre, per contro, persone davvero competenti tendono a sminuire o sottovalutare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

Ettore73
Messaggi: 116
Iscritto il: 4 ott 2019, 20:39

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da Ettore73 » 6 ott 2019, 12:06

Le Zebre devono essere il principale serbatoio della nazionale e non avere ambizioni come la Benetton (costruita per puntare in alto)...le dichiarazioni ottimistiche di Bradley servivano per motivare il gruppo.
"Serve una barca più grande" (cit. film "Lo squalo")

Luqa-bis
Messaggi: 5547
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da Luqa-bis » 6 ott 2019, 19:50

Ottima strategia motivazionale.

Ilgorgo
Messaggi: 11018
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da Ilgorgo » 6 ott 2019, 23:38

L'area davanti allo stadio Ecopa, tanto per respirare l'aria di laggiù. Si vedono anche quattro ragazzi italiani imbandierati

bep68
Messaggi: 1280
Iscritto il: 28 ago 2009, 10:31

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da bep68 » 7 ott 2019, 9:07

Man of the moment ha scritto:
4 ott 2019, 20:44
fabione64 ha scritto:
4 ott 2019, 18:56
Al 29 mo minuto sulla prima delle due punizioni (fuorigioco) dopo la scelta (condivisa con Allan credo) fa il segno di stare zitti a bordo campo... Forse si chiedeva una indicazione diversa (pali)?
No no, ho sentito benissimo, appena c'è il fallo dalla panchina urlano "touche touche touche" Parisse va per la touche, ma dice alla panchina di stare zitta. Di non disturbare insomma. Io ho capito così
ancor prima del "Momento Tigerman", questo è il momento chiave della partita, e la dice lunga, sul pressapochismo del rugby italico federale, in special modo se è arrivato dallo staff.Con un Allan mai così preciso sui calci, hai la presunzione di andare in touche.Esiste solo una condizione che ti dia ragione, che tu vada in meta da touche. Abbiamo visto come è andata, e purtroppo, questa scelta scellerata di Parisse , l'avevamo già vista in altre occasioni ( a Roma quest'anno con la Francia ).
Ho sempre amato Parisse come Uomo e come giocatore. Come Capitano dall'infortunio che ebbe al ginocchio prima del test macth con Samoa ad Ascoli, non è più stato lo stesso, meno lucido, molto irrascibile con gli arbitri, molto più conservativo come giocatore ( questo è ovvio e più che comprensibile poichè i legamenti di un ginocchio li recuperi, la sicurezza su quel ginocchio, forse.. ).
Altri tecnici con altri Capitani in altre Nazionali hanno optato per "allegerire" dalla responsabilità del grado giocatori che ne sentivano eccessivamente il peso ( Waburton nel Galles e Robswaw nell'Inghilterra ). Forse era un passaggio che anche noi avremmo dovuto fare, anche per salvaguardare un mito.
se il rugby è una metafora della vita, e la vita è una ruota, sono al terzo giro, il primo da giocatore, il secondo da allenatore, il terzo da genitore..

bep68
Messaggi: 1280
Iscritto il: 28 ago 2009, 10:31

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da bep68 » 7 ott 2019, 9:15

MadRef ha scritto:
5 ott 2019, 11:12
Pure il ragionamento che non ti concederanno più di 5-6 occasioni di marcare è un po' del cavolo secondo me. Tu intanto mandali alla pausa sul 17-9 e magari stampatagli una meta in faccia al rientro (o marca ancora per il 17-12), invece di sbroccare e suicidarti. Poi sul 17-16 (o 17-12) vedi se non cominciano a disunirsi e concederti qualche occasione in più, se non altro perché costretti ad abbassare un po' la manetta dell'aggressività sui punti d'incontro. Portali verso il 60' entro break e vediamo la pressione, che è tutta su di loro, che effetto gli fa. Non dico che la vinci, ma parliamo di ben altra figura. Tra l'altro sono i risultati che, se portati a casa con una certa consistenza, possono anche cambiare un po' un certo tipo di metro arbitrale nel futuro.
proprio questo: consistenza.
se il rugby è una metafora della vita, e la vita è una ruota, sono al terzo giro, il primo da giocatore, il secondo da allenatore, il terzo da genitore..

fabione64
Messaggi: 371
Iscritto il: 8 mar 2006, 0:00
Località: Roma (Prenestino)

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da fabione64 » 7 ott 2019, 10:28

bep68 ha scritto:
7 ott 2019, 9:07
Man of the moment ha scritto:
4 ott 2019, 20:44
fabione64 ha scritto:
4 ott 2019, 18:56
Al 29 mo minuto sulla prima delle due punizioni (fuorigioco) dopo la scelta (condivisa con Allan credo) fa il segno di stare zitti a bordo campo... Forse si chiedeva una indicazione diversa (pali)?
No no, ho sentito benissimo, appena c'è il fallo dalla panchina urlano "touche touche touche" Parisse va per la touche, ma dice alla panchina di stare zitta. Di non disturbare insomma. Io ho capito così
ancor prima del "Momento Tigerman", questo è il momento chiave della partita, e la dice lunga, sul pressapochismo del rugby italico federale, in special modo se è arrivato dallo staff.Con un Allan mai così preciso sui calci, hai la presunzione di andare in touche.Esiste solo una condizione che ti dia ragione, che tu vada in meta da touche. Abbiamo visto come è andata, e purtroppo, questa scelta scellerata di Parisse , l'avevamo già vista in altre occasioni ( a Roma quest'anno con la Francia ).
Ho sempre amato Parisse come Uomo e come giocatore. Come Capitano dall'infortunio che ebbe al ginocchio prima del test macth con Samoa ad Ascoli, non è più stato lo stesso, meno lucido, molto irrascibile con gli arbitri, molto più conservativo come giocatore ( questo è ovvio e più che comprensibile poichè i legamenti di un ginocchio li recuperi, la sicurezza su quel ginocchio, forse.. ).
Altri tecnici con altri Capitani in altre Nazionali hanno optato per "allegerire" dalla responsabilità del grado giocatori che ne sentivano eccessivamente il peso ( Waburton nel Galles e Robswaw nell'Inghilterra ). Forse era un passaggio che anche noi avremmo dovuto fare, anche per salvaguardare un mito.
Guarda io ho citato quel momento perché mi era venuto un dubbio, poi fugatomi da Man otm, ma la cosa che mi ha fatto girare non è stata tanto quella scelta che, al limite, ci può anche stare, infatti è un calcio sulla linea dei 10 metri circa in posizione non centralissima..E' la successiva touche con un calcio dato subito contro la seconda linea SAF che ci avrebbe portato, dalla linea dei 22 all'interno dei 15 metri, a un tentativo più agevole e con una percentuale di realizzazione sicuramente migliore... 17 a 6 al 32esimo minuto, con una certa inerzia in attacco, beh io giovedì ci avrei messo la firma...
Member of St. Etienne Express

Luqa-bis
Messaggi: 5547
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: ITALIA - SUD AFRICA

Messaggio da Luqa-bis » 7 ott 2019, 20:00

A mia memoria è una tendenza strategica di Parisse quella di chiamare la touche quando il divario supera i 10 punti e la squadra è ancora in forze.
penso che nella sua mentalità sia una chiamata a voler cercare la meta che motivi la squadra e colpisca l'avversario.

Certo, bisogna farla.
Anche io ho pensato, "forse è meglio il mattoncino che la parete intera"... però capisco il suo spirito: dare ai sudafricani l'impressione di una squadra che non li temeva.

Rispondi

Torna a “RWC JAPAN 2019”