Consigli cinematografici

Per discutere di qualsiasi cosa che NON riguardi il Rugby...
Avatar utente
quaros
Messaggi: 531
Iscritto il: 23 lug 2018, 7:55

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da quaros » 24 dic 2019, 10:18

Si beh il conduttore giocoforza sa dove sta la macchina, quindi di conseguenza toglierà sempre una porta "capra"

Ti metti il ragionamento del libro che è abbastanza lineare:
Immagine

Immagine

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20875
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da jpr williams » 24 dic 2019, 11:47

Caro gorgo, questo giochetto nelle giornate formative di finanza comportamentale ce lo fanno sempre e tutte le volte ce lo spiegano.
Lo vedo e sento spiegare da anni.
Non sono MAI riuscito a convincermi che abbiano ragione LORO e continuo come te a pensare che se restano due porte fra cui quella che avevo scelto io ed un'altra sola non si capisce perchè quell'altra sia più fica della mia.
Ma pare abbiano ragione LORO ed io faccio finta di dargliela per non fare la figura dello zuccone che sono. Ma faccio solo finta, eh, qui nell'anonimato posso dirlo. :oops:
Ah, la faccenda delle 1000 porte è una fregatura: per foza là è sospetto che lasci aperta solo la 298. Qui, con sole tre porte, è completamente diverso. Ne può aprire solo una, mica 998, e se ne apre una palesemente errata mica è detto che abbia "segnalato" quella fica. Potrebbe volermi trarre in inganno spingendomi a cambiare perchè SA che ci avevo preso.
3 e 1000 mica sono la stessa cosa.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Garry
Messaggi: 8248
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da Garry » 24 dic 2019, 12:52

Dà retta a me, non hanno ragione loro.
Una su tre porte = 33%
Una su due = 50%

Non mi convincono di qualcosa di diverso nemmeno se si mettono in ginocchio
Memento apologo di Menenio Agrippa
494 a.C.

ruttobandito
Messaggi: 1238
Iscritto il: 20 nov 2018, 11:01

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da ruttobandito » 24 dic 2019, 12:55

Io li odio i quiz televisivi.
MANI DI MINCHIA!!!
Lo stupido è più pericoloso del bandito. (Carlo M. Cipolla)

Ilgorgo
Messaggi: 10144
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da Ilgorgo » 24 dic 2019, 13:12

Premesso che devo ancora leggere le pagine riportate da Quaros (mi ci vuole lo spirito giusto) ricordo che nel libro "Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte" si parlava (ne sono quasi sicuro) di questo paradosso e si ricordava che a diffonderlo presso il pubblico inglese fu, credo negli anni '60 più o meno, una studiosa di matematica che teneva una rubrica su un quotidiano. All'inizio i "professoroni" le risposero quasi paternamente correggendo il suo errore, poi vedendo che lei perseverava nella propria tesi (che era una tesi già di Newton, a quanto si dice in quel film con Chevin Spesi), iniziarono a scrivere al giornale lettere via via più arrabbiate fino ad arrivare a insultarla, anche se non so con quale tipo di insulti. Questo per dire quanto sia difficile comprendere questo paradosso

Avatar utente
time vortex
Messaggi: 782
Iscritto il: 7 mag 2015, 11:42
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da time vortex » 24 dic 2019, 14:03

Se volete fare andare veramente fuori di testa jpr, parlategli del gatto di Schroedinger...

Immagine

Funziona al 100%, garantito!

(Buon natale amò :<3 )
"Quando la sorte ti è contraria e mancato ti è il successo, smetti di far castelli in aria e va a piangere sul..."

Esplorai le religioni e l'alcol, trovai in quest'ultimo maggiori speranze di consolazione duratura.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20875
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da jpr williams » 24 dic 2019, 14:14

Ah si quella roba inventata di sana pianta delle robe quantistiche.
Superstizione, non scienza: è chiaro che il gatto è morto o vivo indipendentemente dal fatto che io lo guardi.
Sta roba dei quanti è una puttanata esoterica, non esiste proprio.
Sarebbe come dire che una roba non esiste solo perchè non la vedo io. Roba da Don Ferrante.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Garry
Messaggi: 8248
Iscritto il: 2 lug 2018, 21:31

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da Garry » 24 dic 2019, 14:50

Ilgorgo ha scritto:
24 dic 2019, 13:12
Premesso che devo ancora leggere le pagine riportate da Quaros (mi ci vuole lo spirito giusto) ricordo che nel libro "Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte" si parlava (ne sono quasi sicuro) di questo paradosso e si ricordava che a diffonderlo presso il pubblico inglese fu, credo negli anni '60 più o meno, una studiosa di matematica che teneva una rubrica su un quotidiano. All'inizio i "professoroni" le risposero quasi paternamente correggendo il suo errore, poi vedendo che lei perseverava nella propria tesi (che era una tesi già di Newton, a quanto si dice in quel film con Chevin Spesi), iniziarono a scrivere al giornale lettere via via più arrabbiate fino ad arrivare a insultarla, anche se non so con quale tipo di insulti. Questo per dire quanto sia difficile comprendere questo paradosso
Ma si tratta sempre di un paradosso. Cose che funzionano sulla carta e che vengono pure dimostrate, ma che nella realtà non hanno senso.
Come il paradosso di Zenone.
Va bene, certo, è suggestivo, ma poi nella realtà Achille raggiunge la tartaruga, l'ammazza e ci fa il brodo
Memento apologo di Menenio Agrippa
494 a.C.

Avatar utente
quaros
Messaggi: 531
Iscritto il: 23 lug 2018, 7:55

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da quaros » 24 dic 2019, 15:12

time vortex ha scritto:
24 dic 2019, 14:03
Se volete fare andare veramente fuori di testa jpr, parlategli del gatto di Schroedinger...
Spadoni, Liperini nelle partite con Rovigo e i paradossi fisico-matematici sono la sua kryptonite quindi :-]

metabolik
Messaggi: 5933
Iscritto il: 27 mar 2003, 0:00
Località: Piacenza

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da metabolik » 24 dic 2019, 16:15

Argomenti un pò OT, ma troppo stuzzicanti, per non intervenire.
1- Il problema di Monty Hall è famosissimo, e, fra l'altro , ha confermato la super intelligenza di Marilyn vos Savant, che lo risolse in modo originale. Chi non capisce la soluzione non riflette abbastanza sul fatto che la porta che viene aperta dopo la prima scelta rivela una capra . Questa situazione non è assolutamente equivalente a quella di avere 2 scelte in partenza.
2- Il gatto di Schrodinger è un paradosso che Schrodinger ha proposto proprio per evidenziare quanto è rivoluzionaria, stupefacente la teoria quantistica e deve essere preso come tale. L'applicazione della teoria quantistica al macrocosmo percepibile dai nostri sensi porta a un paradosso,anche se tutti i dispositivi basati sulla fisica dei semiconduttori, fra cui il calcolatore che sto usando, sono stati progettati grazie alla teoria quantistica e quindi non c'è alcun dubbio che questa funziona a livello atomico-subatomico. Un articolo su Le Scienze (circa 2 anni fa) ha criticato l'uso improprio dei paradossi tipo Schrodinger. Inoltre, come è stato già osservato, il gatto di Schrodinger è sicuramente morto... avrebbe più di 70 anni !!

Tornando IT-Cinema sono molto dispiaciuto per il film di Bellocchio che non ha superato l'esame di partecipazione all'Oscar; il suo film 'Il traditore' è un capolavoro. Purtroppo le cosiddette nomination sono sempre più condizionate da direttive extra-cinema e se non sei nel filone giusto non passi. Mi dicono che hanno infilato un bacio lesbico nell'ultimo sedicente Star Wars; la Disney, quella dei cartoni animati delle fiabe classiche, capolavori insuperabili, la DISNEY per essere politically correct ... mah !

Ilgorgo
Messaggi: 10144
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da Ilgorgo » 24 dic 2019, 16:59

No, non riesco ad afferrare questa cosa. Le spiegazioni del libro citato da Quaros non mi hanno delucidato.
La "dimostrazione matematica" che il libro propone è quella che avevo già letto in passato ma che tutt'ora faccio fatica a comprendere.
La "dimostrazione di buon senso" mi pare, almeno nel primo paragrafo, vaga e non di aiuto. Nel secondo paragrafo, quello evidenziato in grigio, c'è invece il passaggio per me chiave, nel senso che lì risiede ciò che non riesco a capire: quando dice qualcosa come "la porta del secondo insieme rimasta chiusa eredita le probabilità iniziali dell'intero secondo insieme". Ecco, è quell'ereditare che non riesco a mandar giù. Mi verrebbe da pensare che aprire una delle tre porte e mostrare una capra influisca sulle probabilità di entrambe le altre porte, invece da quanto dice la spiegazione quel gesto influisce solo sulle probabilità di una delle altre due porte perché la terza porta appartiene a un diverso insieme.

L'esempio del gattino nell'ultimo capitolo (sembra far parte di un argomento differente, ma affine) mi risulta ancor più difficile da accettare

Se invece di dividere le possibilità in
(tigrato) (nero)
1 maschio maschio
2 maschio femmina
3 femmina maschio
4 femmina femmina

le dividessimo in
(gatto controllato dal negoziante) (gatto non controllato dal negoziante)
1 maschio maschio
2 maschio femmina
3 femmina maschio
4 femmina femmina

potremmo eliminare, invece della sola opzione 4, sia la opzione 3 sia la opzione 4: e così avremmo appunto una probabilità del 50% che entrambi i gatti sono neri, come il senso comune ci dice. Questo mi viene da pensare.

Insomma, in definitiva sono sempre allo stesso punto: accetto la tesi ora "ufficiale" perché mi sembra impossibile che possa essere unanimemente accettata una tesi sbagliata e perché sono sicuro che qualcuno da qualche parte l'abbia provata empiricamente (bastano tre carte, un compagno che sa dov'è quella giusta e la pazienza di fare un numero abbastanza alto di tentativi per avere un campione statistico significativo), però tuttora non riesco ad afferrarla logicamente

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20875
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da jpr williams » 24 dic 2019, 18:37

quaros ha scritto:
24 dic 2019, 15:12
time vortex ha scritto:
24 dic 2019, 14:03
Se volete fare andare veramente fuori di testa jpr, parlategli del gatto di Schroedinger...
Spadoni, Liperini nelle partite con Rovigo e i paradossi fisico-matematici sono la sua kryptonite quindi :-]
Ci sono anche il pesce (cui sono allergico) e il balletto.
Ma il peggio del peggio sono gli sbiffe.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20875
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da jpr williams » 24 dic 2019, 18:38

Ilgorgo ha scritto:
24 dic 2019, 16:59
No, non riesco ad afferrare questa cosa. Le spiegazioni del libro citato da Quaros non mi hanno delucidato.
Fra te, Garry e me faremo il club degli ignorantoni e contenti. :roll:
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20875
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da jpr williams » 24 dic 2019, 18:40

metabolik ha scritto:
24 dic 2019, 16:15
Inoltre, come è stato già osservato, il gatto di Schrodinger è sicuramente morto... avrebbe più di 70 anni !!
E questa è l'unica cosa che ho capito.
Povero micio però. :cry:
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20875
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Consigli cinematografici

Messaggio da jpr williams » 26 dic 2019, 14:03

Quando sono in ferie. ho tempo a disposizione e nessuna voglia di andare in giro approfitto per vedere vecchi classici che di solito, per la loro lunghezza, in periodi "normali" fatico a vedere.
Mi sto rivedendo i due atti di "Novecento" di Bertolucci, di recente restaurati e rimasterizzati.
Niente da fare, ogni volta che vedo Novecento lo trovo più bello della volta precedente.
Molti sostengono che sia un film troppo schierato. Io di solito rispondo che è vero, lo è, dalla parte giusta.
Non c'è libro di storia che possa spiegare meglio tanto la nascita del fascismo quanto la violenza che suscitò nelle sue vittime desiderose di vendetta, forse non giusta, ma per me umanamente comprensibilissima.
Ma è anche dal punto di vista artistico un bellissimo ritratto della bassa padana e della sua civiltà contadina, con una fotografia di livello semplicemente mostruoso ed alcune prove attoriali meravigliose. Il Burt Lancaster vecchio e depresso davanti alla constatazione del proprio tramonto ineluttabile, Romolo Valli grandioso nel prototipo dell'agrario meschino e senza scrupoli.
Ovviamente i protagonisti principali De Niro e Depardieu che sono semplicemente De Niro e Depardieu, cioè due mostri.
Ma a me la prova d'attore più strepitosa è sempre sembrata e continua a sembrare quella di Donald Sutherland nei panni dell'odioso Attila Melanchini e di Laura Betti in quelli della squallida e violenta Regina, sua sobillatrice e istigatrice.
Ad un certo punto si assiste in chiesa alla nascita del patto fra agrari spaventati ed inferociti dalla nascita delle prime leghe contadine che sarà nerbo principale del fascismo nelle campagne. Attila, che è solo un ignorante cane da guardia del suo padrone viene istigato da Rrgina: "Vai, questo è il tuo momento, la tua occasione". Spiega benissimo come il fascismo abbia dato la possibilità a tanti mediocri senza arte né parte, ma dotati della giusta indifferenza morale e della repressa violenza derivante dalla propria marginalità di diventare protagonisti.
La punizione finale, violenta e spietata, di Attila e Regina è quasi un giudizio morale, violento e barbarico, ma ineluttabile: la violenza chiama violenza.
Amo questo film alla follia.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Rispondi

Torna a “Chiamate la Neuro....”