PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

La Storia del Rugby, le sue Tradizioni, le Leggende, attraverso documenti, detti, racconti, aforismi.

Moderatore: billingham

Rispondi
Avatar utente
LeondeVenexia
Messaggi: 59
Iscritto il: 16 dic 2018, 20:50

PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

Messaggio da LeondeVenexia » 8 gen 2019, 9:38

https://docdro.id/w7JzZPo

Cosa ne pensate?

Mad Max
Messaggi: 910
Iscritto il: 12 lug 2011, 11:01
Località: Milano

Re: PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

Messaggio da Mad Max » 8 gen 2019, 10:25

che Minozzi è indubbiamente bravo, spero per lui che vada al Benetton, unica squadra italiana veramente competitiva, oppure se ne vada all'estero
"f*** russians", said the English Fly-half just after being neck-tackled by the russian flanker

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 19084
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

Messaggio da jpr williams » 8 gen 2019, 13:44

LeondeVenexia ha scritto:https://docdro.id/w7JzZPo
Cosa ne pensate?
Eh, che ne devo pensare...
Quattro anni fa ho cominciato a rompere le balle a tutti parlando di questo ragazzino arrivato a Calvisano con la nomea di pippa inconsistene e da me giudicato come un potenziale crack dopo avergli visto giocare la prima mezz'ora della prima amichevole precampionato di quella stagione.
Nel corso del tempo ho continuato a parlarne trovando, l'anno successivo, il paragone con un grnde del passato: per me era Dingo Williams redivivo. Quando partiva non capivi che cavolo volesse fare e, probabilmente, nemmeno la sua testa lo sapeva, ma i suoi piedi lo sapevano benissimo.
Ho invocato la sua convocazione in nazionale quando era ancora a Calvisano, ma pur portandolo non me lo fecero mai giocare.
L'anno scorso il nostro illuminatissimo CT si decise finalmente a farlo giocare solo per via di un infortunio (come per Polledri) altrimenti magari farebbe ancora panchina.
Che devo aggiungere se non che è il più clamoroso talento sbocciato sui nostri campi dall'epoca del meraviglioso Ivan?
Gli auguro di andare all'estero in una squadra, però, che lo faccia giocare. Quindi niente Francia o Inghilterra dove fai la fine di Padovani. Vada in Eire o Cymru e si completi.
Adesso sta lavorando duro per recuperare. Conosco le persone che lo stanno aiutando e sabato l'ho visto a Calvisano (è tutt'ora un grande tifoso della sua ex squadra) di buon umore. Tornerà più forte che pria, mi ci gioco quel che volete.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Avatar utente
LeondeVenexia
Messaggi: 59
Iscritto il: 16 dic 2018, 20:50

Re: PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

Messaggio da LeondeVenexia » 8 gen 2019, 14:56

Speriamo che tu abbia ragione.

La nazionale ne avrebbe un grande beneficio.

tonione
Messaggi: 4051
Iscritto il: 2 mar 2005, 0:00
Località: treviso

Re: PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

Messaggio da tonione » 10 gen 2019, 0:13

solo degli appunti. è molto probabile che dopo l'infortunio perderà velocità. non sarà lo stesso giocatore in termini fisici. non è paragonabile al dingo o a ivan. sono giocatori accostabili solo per via del saper andar via all'avversario. ma sono profondamente diversi.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 19084
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: PREMIO GAZZETTINO: MIGLIOR GIOCATORE ITALIANO 2018

Messaggio da jpr williams » 10 gen 2019, 11:33

tonione ha scritto:solo degli appunti. è molto probabile che dopo l'infortunio perderà velocità. non sarà lo stesso giocatore in termini fisici. non è paragonabile al dingo o a ivan. sono giocatori accostabili solo per via del saper andar via all'avversario. ma sono profondamente diversi.
Spero di no. le persone che lavorano alla sua riabilitazione ne sono convinte.
Quanto ai paragoni: i miei sono sempre "atecnici" e legati più alla suggestione che non alla razionalità.
Nel caso sono anche paragoni di tipo diverso.
Il paragone con Ivan riguarda solo la, diciamo così, "entità" del talento, ma non il modo di giocare.
Quello col Dingo è, appunto, una suggestione: quando vedevo partite il Dingo mi sorgeva sempre la domanda interiore "Ma dove cacchio vuole andare? Non vede che non c'è spazio?". E invece alla fine aveva ragione lui. Con Teo era la stessa cosa. Quando, dietro a tutti, prendeva la palla e partiva in una direzione assurda mi chiedevo la stessa cosa. E invece lui trovava dei pertugi così privi di senso da farmi dire che erano i suoi piedi a trovarli per lui. Suggestione, la roba meno tecnica che esista, toni. Chi meglio di te che sei un poeta?
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Rispondi

Torna a “Storia, Tradizione, Leggenda”