equiparabili et similia

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

Avatar utente
giuseppone64
Messaggi: 9456
Iscritto il: 13 dic 2011, 14:29
Località: roma

equiparabili et similia

Messaggio da giuseppone64 » 1 mar 2012, 14:14

visto che partendo da ambrosini sono giunte diverse segnalazioni forse e' meglio che le riuniamo in una unica discussione. con buona pace di chi non vuol sentir parlare di equiparati . portate pazienza e sarete premiati.
Scusa tesoro se sono stato un po' brusco stamani. Papà non sei stato un po' brusco, sei stato un barbaro...
mio figlio 17 anni
Amore sbrigati che facciamo tardi a scuola! Mi sbrigo solo se mi ripeti che sono la più bella del mondo.
mia figlia 6 anni
MA CHE ORA E'?
mia moglie
Molti amici molto onore
Io

jentu
Messaggi: 4132
Iscritto il: 3 mag 2005, 0:00
Località: lontano da dove vorrei

Re: equiparabili et similia

Messaggio da jentu » 1 mar 2012, 14:52

giuseppone64 ha scritto:visto che partendo da ambrosini sono giunte diverse segnalazioni forse e' meglio che le riuniamo in una unica discussione. con buona pace di chi non vuol sentir parlare di equiparati . portate pazienza e sarete premiati.
Che tristezza, questo è la discussione della manna dal cielo.
Atavica abitudine ad aspettare che arrivi bello e pronto ciò per cui non abiamo lavorato.
De franza o de spagna purchè se magna.

yeti
Messaggi: 4197
Iscritto il: 1 apr 2003, 0:00
Località: Saarbruecken (Germania)

Re: equiparabili et similia

Messaggio da yeti » 2 mar 2012, 10:03

jentu ha scritto:
giuseppone64 ha scritto:visto che partendo da ambrosini sono giunte diverse segnalazioni forse e' meglio che le riuniamo in una unica discussione. con buona pace di chi non vuol sentir parlare di equiparati . portate pazienza e sarete premiati.
Che tristezza, questo è la discussione della manna dal cielo.
Atavica abitudine ad aspettare che arrivi bello e pronto ciò per cui non abiamo lavorato.
De franza o de spagna purchè se magna.
Beh, se è per il rugby, meglio de Franza. De Spagna non mi pare venga qualcosa di buono.

bosch
Messaggi: 382
Iscritto il: 10 feb 2003, 0:00
Località: genova

Re: equiparabili et similia

Messaggio da bosch » 2 mar 2012, 17:23

franza.....spagna.....basta che se magna!
a proposito dell'argomento, notizie di chistolini? leggo che 8 partite, tra iniziate e titolare, le ha fatte.....qualcuno sa come si staè comportando?
lo ricordo come un prospetto assolutamente valido.....
da inserire magari negli emergenti....

Zeu
Messaggi: 903
Iscritto il: 22 apr 2005, 0:00

Re: equiparabili et similia

Messaggio da Zeu » 2 mar 2012, 22:56

Non mi pare che Pep abbia parlato di salvatori della patria, semplicemente si denota una certa tendenza dai rumors di mercato che le italiche celtiche (per lo più Treviso) si stiano interessando a giocatori oriundi o se vogliamo "convocabili". Attenzione l'ingaggio dell'oriundo non diventa automaticamente convocazione in nazionale, Brunel potrebbe serenamente convocare Ambrosini, Socino, Caminati e Chistolini, senza che giochino a Treviso o Viadana. Mi pare ovvio che questa tendenza da parte delle celtiche sia dettata dalle regole Fir che limitano l'utilizzo degli stranieri, e di conseguenza si guarda con maggior attenzione a coloro che "non sono stranieri", attenzione non sto dicendo cosa sia giusto o sbagliato, ma se parlarne diventa tabù allora non facciamo i forum.

topotto53
Messaggi: 1638
Iscritto il: 22 nov 2008, 17:40

Re: equiparabili et similia

Messaggio da topotto53 » 3 mar 2012, 19:59

per me se sono italiani di sangue , vanno bene.. altre nazioni BEN più forti di noi hanno dentro i nazionale giocatori equiparati o comunque non di nazionalità.. inoltre è chiaro che le anglosassoni, con i loro intrecci di sangue fanno molta poca fatica a "nazionalizzare" un giocatore..inoltre guardate gli alla blacks, come fanno diventare neozelandesi i vari fijiani o samoani bravi..
basta che le regole IRB siano rispettate a me va bene che chi viene a giocare in nazionale sia bravo..se non ci sono brave aperture italiane è perchè ci sono ora ed in passato molti stranieri, non molti oriundi o equiparati.. e chi se ne accorge ..?? ( a parte gli addetti ai lavori..)e poi nella nostra nazionale, se gioca uno con nome "straniero" tutti se ne accorgono e criticano.. nella scozia Dan Parks ha giocato per anni , ha salvato almeno un paio di 6 nazioni dei scozzesi dal baratro, ma è australiano...

Avatar utente
giuseppone64
Messaggi: 9456
Iscritto il: 13 dic 2011, 14:29
Località: roma

Re: equiparabili et similia

Messaggio da giuseppone64 » 5 mar 2012, 6:42

intanto la nazionale di league ottiene la promozione in prima fascia grazie alla qualificazione alla coppa del mondo dopo uno ,cosi definito dalla stampa, "storico" pareggio con il libano. conoscete qualcuno che a vostro giudizio puo' essere utile alla nazionale a 15?
Scusa tesoro se sono stato un po' brusco stamani. Papà non sei stato un po' brusco, sei stato un barbaro...
mio figlio 17 anni
Amore sbrigati che facciamo tardi a scuola! Mi sbrigo solo se mi ripeti che sono la più bella del mondo.
mia figlia 6 anni
MA CHE ORA E'?
mia moglie
Molti amici molto onore
Io

ka-mate
Messaggi: 18
Iscritto il: 1 mar 2012, 15:38
Località: Milano

Re: equiparabili et similia

Messaggio da ka-mate » 5 mar 2012, 9:02

topotto53 ha scritto:per me se sono italiani di sangue , vanno bene.. altre nazioni BEN più forti di noi hanno dentro i nazionale giocatori equiparati o comunque non di nazionalità.. inoltre è chiaro che le anglosassoni, con i loro intrecci di sangue fanno molta poca fatica a "nazionalizzare" un giocatore..inoltre guardate gli alla blacks, come fanno diventare neozelandesi i vari fijiani o samoani bravi..
basta che le regole IRB siano rispettate a me va bene che chi viene a giocare in nazionale sia bravo..se non ci sono brave aperture italiane è perchè ci sono ora ed in passato molti stranieri, non molti oriundi o equiparati.. e chi se ne accorge ..?? ( a parte gli addetti ai lavori..)e poi nella nostra nazionale, se gioca uno con nome "straniero" tutti se ne accorgono e criticano.. nella scozia Dan Parks ha giocato per anni , ha salvato almeno un paio di 6 nazioni dei scozzesi dal baratro, ma è australiano...
Concordo in pieno, intanto iniziamo a vincere un po' di più....anche se con equiparati....
_____________________________________________________________________
Forwards win games, back decide by how much

Sator Arepo
Messaggi: 1389
Iscritto il: 1 set 2011, 8:07
Località: Veronese a Wellington

Re: equiparabili et similia

Messaggio da Sator Arepo » 5 mar 2012, 11:08

topotto53 ha scritto:per me se sono italiani di sangue , vanno bene.. altre nazioni BEN più forti di noi hanno dentro i nazionale giocatori equiparati o comunque non di nazionalità.. inoltre è chiaro che le anglosassoni, con i loro intrecci di sangue fanno molta poca fatica a "nazionalizzare" un giocatore..inoltre guardate gli alla blacks, come fanno diventare neozelandesi i vari fijiani o samoani bravi..
basta che le regole IRB siano rispettate a me va bene che chi viene a giocare in nazionale sia bravo..se non ci sono brave aperture italiane è perchè ci sono ora ed in passato molti stranieri, non molti oriundi o equiparati.. e chi se ne accorge ..?? ( a parte gli addetti ai lavori..)e poi nella nostra nazionale, se gioca uno con nome "straniero" tutti se ne accorgono e criticano.. nella scozia Dan Parks ha giocato per anni , ha salvato almeno un paio di 6 nazioni dei scozzesi dal baratro, ma è australiano...
Francamente pero' ne ho le palle piene di sentire la favoletta degli All Blacks che giocano con gli equiparati, ogni volta che si discute sugli equiparati dell'Italia mi tocca sentire la stessa barzelletta, l'ho gia' spiegato un milione di volte ma lo spiego ancora.
Il movimento neozelandese e' tutto, interamente focalizzato sulla formazione di giocatori perfetti che siano degni della maglia nera: dalla base che sono i club e le scuole, passando per le province, fino alle franchigie.
Equiparare giocatori stranieri e' la cosa che in Nuova Zelanda meno in assoluto si sognano di fare, se succedesse su base regolare la gente smetterebbe letteralmente di seguire la nazionale. I famosi "figiani" e "samoani" degli All Blacks sono nati o, al massimo, cresciuti rugbysticamente fin dalle giovanili in Nuova Zelanda. Della squadra campione del mondo, gli unici nati all'estero se non sbaglio erano Kahui e Kaino, nati a Samoa, trasferitisi qua a 3 e 5 anni rispettivamente.
Ripeto anche che quasi tutti i giocatori delle nazionali di Samoa, Tonga e isolette varie sono neozelandesi nati qua con doppia cittadinanza, che hanno scelto di giocare con la nazionale dei loro genitori. Quindi se c'e' qualcuno che usa gli equiparati non e' certo la NZ, casomai la NZ li forma per le altre federazioni... con un bel costo per la NZRU fra l'altro, visto che quelli piu' bravi vanno a prendere bei soldi in Europa invece che rimanere in Super XV.
Ma lo sapete che nella SOLA Auckland ci sono piu' tongani che non in TUTTA Tonga? Quasi tutti nati qui, cresciuti in scuole e club neozelandesi.
Cosa dovrebbero fare, dirgli che se vogliono giocare a rugby se ne devono tornare a casa dei nonni altrimenti il resto del mondo li prende per equiparati?
Quindi, se volete usare gli All Blacks come esempio di nazionale che usa gli stranieri, per dire che va bene farlo anche in Italia, ritentate, sarete piu' fortunati.
Uff che fadiga...
Not all those who wander are lost...

Ale_86
Messaggi: 1501
Iscritto il: 24 set 2006, 20:29
Località: Copenhagen/Boston

Re: equiparabili et similia

Messaggio da Ale_86 » 5 mar 2012, 11:18

Detta in altro modo, gli isolani NZ stanno ai nostri Derbyshire, Rodwell, Apperley e via discorrendo
Potete aumentarmi le tasse su tutto, ma non sulla mia birra!
http://www.salvalatuabirra.it

edopardo
Messaggi: 643
Iscritto il: 3 ago 2010, 1:15
Località: Verona

Re: equiparabili et similia

Messaggio da edopardo » 5 mar 2012, 13:41

Ale_86 ha scritto:Detta in altro modo, gli isolani NZ stanno ai nostri Derbyshire, Rodwell, Apperley e via discorrendo

Piu o meno peccato che Rodwell noi ce lo siamo già perso.....alla faccia della cura dei futuri campioncini poteva fare comodissimo alle franchigie in questo anno difficile ma ha preferito in mancanza di proposte andarsene negli states...tra qualche anno lo vedremo nelle aquile usa magari facendoci anche qualche meta :rotfl: :rotfl:

topotto53
Messaggi: 1638
Iscritto il: 22 nov 2008, 17:40

Re: equiparabili et similia

Messaggio da topotto53 » 5 mar 2012, 13:52

Ale_86 ha scritto:Detta in altro modo, gli isolani NZ stanno ai nostri Derbyshire, Rodwell, Apperley e via discorrendo
esatto.. e quando anni fa derbyshire venne convocato.. ci fu più di un blog e di un forum in cui comparvero voci che stigmatizzavano questa convocazione come l'ennesimo equiparato convocato..voglio dire che se Burton e Botes sono convocati ( aus e saf..) nella nostra nazionale si vede subito.. se fossero convocati in nazionale anglosassone ( eng-irl-gal-sco..) nessuno ci farebbe caso ( salvo.. naturalmente gli addetti ai lavori...ma il grande pubblico...??)

per il resto.. se uno è fijiano o samoano o tongano ( di sangue e di nazionalità..) e nasce in NZ... è neozelandese ??? se la nuova zelanda non avesse attorno questa grande quota di samoani-tongani-fijiani, sarebbe così forte..???? poi io non so quanti di questi sono nati a samoa e cresciuti in NZ o viceversa..la mia attenzione è sul fatto che , quando è il momento, ogni sistema è buono per "prendersi" un campione.. e , ripeto , se le regole IRB lo permettono, perchè no..?? certamente NOI abbiamo più facilità a cercare di "cercare" oriundi ed equiparati.. mi sembra normale.. ma ripeto, se ambrosini ( faccio il nome più recente balzato agli onorei della cronaca..) fosse un bel giocatorino ( lo si fa giocare qualche volta in partite amichevoli o in emergenti..) perchè no..????? a questo punto.. burton e orquera ormai > 30 anni, botes non è un MA, marcato e bocchino hanno dei limiti intrinseci ormai esplorati, dall'U20 Della Rossa infortunato e si è perso il 6 n, Apperley ( con questo nome .. lo vogliamo..? o urta la sensibilitàa della razza italica piave...) comunque ancora acerbo... quali altri nomi ITALIANI sono pronti per la maggiore..??? se me lo dite..???

Sator Arepo
Messaggi: 1389
Iscritto il: 1 set 2011, 8:07
Località: Veronese a Wellington

Re: equiparabili et similia

Messaggio da Sator Arepo » 5 mar 2012, 14:25

topotto53 ha scritto: per il resto.. se uno è fijiano o samoano o tongano ( di sangue e di nazionalità..) e nasce in NZ... è neozelandese ???
Lo e' di cittadinanza (chiamasi Ius Soli... puo' piacere o meno e a me non piace particolarmente, ma tant'e').
E senza ombra di dubbio lo e' rugbysticamente, a meno che tu non voglia dirmi che uno che nasce in Nuova Zelanda, gioca a rugby li' da quando ha sei anni, fa il percorso giovanili-accademie-nazionali giovanili-club-provincia-franchigia tutto in Nuova Zelanda, non sia un prodotto del movimento neozelandese.
Tu stai sostanzialmente dicendo che prendere un giocatore nato in loco, e fargli fare tutta questa trafila (per di piu' in strutture federali) fino alla nazionale sia la stessa cosa che prenderne uno di 26 anni nato, cresciuto e allenatosi sempre all'estero ma trasferitosi in Italia da un anno e mezzo, e mettergli addosso la maglia della nazionale.
A me invece sembra proprio che ci sia una vaghissima differenza.

Ripeto, possiamo discutere a oltranza se sia giusto o no mettere in nazionale gli equiparati, e sono d'accordo che nelle condizioni attuali non sia sbagliato a priori, ma non portiamo esempi a sproposito... gli All Blacks sono esattamente l'esempio contrario, cioe' la dimostrazione di come i risultati si ottengano lavorando in modo maniacale sulla base del movimento. E se ragionassimo sul lungo periodo, e' proprio questa capacita' formativa, didattica e organizzativa che dovremmo imparare da loro, altro che equiparare gli stranieri.
Not all those who wander are lost...

Avatar utente
giuseppone64
Messaggi: 9456
Iscritto il: 13 dic 2011, 14:29
Località: roma

Re: equiparabili et similia

Messaggio da giuseppone64 » 5 mar 2012, 15:30

giuseppone64 ha scritto:intanto la nazionale di league ottiene la promozione in prima fascia grazie alla qualificazione alla coppa del mondo dopo uno ,cosi definito dalla stampa, "storico" pareggio con il libano. conoscete qualcuno che a vostro giudizio puo' essere utile alla nazionale a 15?
io non volevo alimentare ulteriori polemiche sul punto, mia curiosita' e' quella di capire se esistono nomi di giocatori che , nel rispetto delle regole attuali, possano servire alla causa comune. poi il mio sogno e' lo stesso vostro cioe' avere un movimento giovanile come quella di sua maesta' la regina. e infatti e' un sogno.
Scusa tesoro se sono stato un po' brusco stamani. Papà non sei stato un po' brusco, sei stato un barbaro...
mio figlio 17 anni
Amore sbrigati che facciamo tardi a scuola! Mi sbrigo solo se mi ripeti che sono la più bella del mondo.
mia figlia 6 anni
MA CHE ORA E'?
mia moglie
Molti amici molto onore
Io

Luqa-bis
Messaggi: 5491
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: equiparabili et similia

Messaggio da Luqa-bis » 6 mar 2012, 16:35

Non ho scorso la lista della nazionale tredicista, ma dovrebbe essere formata in massima parte da oriundi italo-australiani con esprienze più o meno ad alto livello.
la questione è la solita nel passaggio dal codice a XIII a quello a XV: per i ruoli di apertura, mediano, pilone, seconda linea ci sono differenze notevoli.

Noi abbiamo , tutto sommato problemi con le seconde linee, le aperture e gli estremi. E per il livello tecnico e atletico individuale nei 3/4 in generale.

Sulla questione equiparati non ripariamo la solita bega:
Gli equiparati possono essere usati e sono utili se riescono a innalzare nettamente il livello tecnico di una squadra.
Per un movimento sono però una misura tampone, legittima , onorevole ma che è opportuno contenere.
L'obiettivo strategico è formare all'interno del moviemnto un giocatore, italiano di sangue, di nascita, di assimilazione , comunque sia, ma cresciuto rugbisticamente in Italia.

Si tratta di passare dal "comprare il pesce pescato da altri " ad' "allevare il pesce nel tuo mare"

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”