Osservatorio italiani all'estero

Discussioni sulla FIR e sulle Nazionali, maggiore e giovanili

Moderatore: Emy77

FP96
Messaggi: 306
Iscritto il: 4 giu 2019, 13:36

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da FP96 » 2 dic 2019, 17:52

jpr williams ha scritto:
2 dic 2019, 17:48

In nazionale ce ne sono almeno 3 meglio di lui...E non da ieri.
Ma meno "importanti" di lui.
Infatti per me dovrebbe essere il quarto: partire dalla panchina e farsi 20-25 minuti a tutta, credo che sullo sforzo breve possa ancora essere decisivo.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 19752
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da jpr williams » 2 dic 2019, 17:53

Io parlavo di 3 come numero 8...
Quindi potrebbe finalmente godersi la nazionale in pace alla tv.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

FP96
Messaggi: 306
Iscritto il: 4 giu 2019, 13:36

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da FP96 » 2 dic 2019, 19:43

jpr williams ha scritto:
2 dic 2019, 17:53
Io parlavo di 3 come numero 8...
Quindi potrebbe finalmente godersi la nazionale in pace alla tv.
Forse così è un po' troppo secondo me :-]

Steyn ok, tutti d'accordo, poi?

Soidog
Messaggi: 832
Iscritto il: 6 feb 2017, 14:14

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da Soidog » 2 dic 2019, 20:07

FP96 ha scritto:
2 dic 2019, 19:43
jpr williams ha scritto:
2 dic 2019, 17:53
Io parlavo di 3 come numero 8...
Quindi potrebbe finalmente godersi la nazionale in pace alla tv.
Forse così è un po' troppo secondo me :-]

Steyn ok, tutti d'accordo, poi?
Nell'esprimere valutazioni occorre tenere presente anche la composizione della squadra nel complesso. Se l'Italia potesse schierare due seconde linee specialiste della rimessa laterale l'impiego di Parisse potrebbe essere part-time, adesso è ancora nettamente il n.8 più performante in questo fondamentale. Se è in condizioni fisiche ottimali un posto tra i convocati se lo merita, poi starà a Smith se schierarlo oppure no

Leinsterugby
Messaggi: 5109
Iscritto il: 25 nov 2008, 12:33
Località: treviso

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da Leinsterugby » 2 dic 2019, 21:06

Soidog ha scritto:
2 dic 2019, 20:07
Se l'Italia potesse schierare due seconde linee specialiste della rimessa laterale l'impiego di Parisse potrebbe essere part-time, adesso è ancora nettamente il n.8 più performante in questo fondamentale. Se è in condizioni fisiche ottimali un posto tra i convocati se lo merita, poi starà a Smith se schierarlo oppure no
E' il numero 8 piu' performante perchè è l'unico 8 puro che abbiamo
Steyn, Polledri, Negri sono dei flanker adattabili ma non degli 8, anche nel club giocano in altre posizioni
Se avessimo qualche seconda linea in piu' a me piacerebbe vedere Fede Ruzza timonare la mischia (lui sta crescendo anche in rimessa laterale, contro Northampton, seppur privo di Lawes, finche è rimasto in campo la touche ha funzionato alla grande). Ruzza ha abilità di carrier e di tecnica individuale forse superiori a tutti. Questi 4 nomi sono sicuramente al momento piu' in palla dell'ultimo Parisse, aggiungete Mbanda e Licata delle zebre....

FP96
Messaggi: 306
Iscritto il: 4 giu 2019, 13:36

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da FP96 » 2 dic 2019, 22:00

Leinsterugby ha scritto:
2 dic 2019, 21:06

E' il numero 8 piu' performante perchè è l'unico 8 puro che abbiamo
Steyn, Polledri, Negri sono dei flanker adattabili ma non degli 8, anche nel club giocano in altre posizioni
Se avessimo qualche seconda linea in piu' a me piacerebbe vedere Fede Ruzza timonare la mischia (lui sta crescendo anche in rimessa laterale, contro Northampton, seppur privo di Lawes, finche è rimasto in campo la touche ha funzionato alla grande). Ruzza ha abilità di carrier e di tecnica individuale forse superiori a tutti. Questi 4 nomi sono sicuramente al momento piu' in palla dell'ultimo Parisse, aggiungete Mbanda e Licata delle zebre....
Steyn, Polledri, Negri e Ruzza sono sicuramente più in palla del Sergio degli ultimi anni, ma coprono quasi tutti già altri ruoli dove sono indispensabili, e poi di questi solo Steyn ha fatto il numero 8 degnamente a livelli internazionali. M'Banda è anch'esso un flanker, Licata è bravo ma non esageriamo... per ora è abbastanza dietro nelle gerarchie di nazionale e il mondiale lo ha visto da casa.

Per me oggi lo schieramento dovrebbe essere 6 Negri - 7 Polledri - 8 Steyn, Parisse può andare in panchina se sta bene e se è disposto ad accettare un ruolo da impact player.

Soidog
Messaggi: 832
Iscritto il: 6 feb 2017, 14:14

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da Soidog » 2 dic 2019, 22:08

Leinsterugby ha scritto:
2 dic 2019, 21:06
Soidog ha scritto:
2 dic 2019, 20:07
Se l'Italia potesse schierare due seconde linee specialiste della rimessa laterale l'impiego di Parisse potrebbe essere part-time, adesso è ancora nettamente il n.8 più performante in questo fondamentale. Se è in condizioni fisiche ottimali un posto tra i convocati se lo merita, poi starà a Smith se schierarlo oppure no
E' il numero 8 piu' performante perchè è l'unico 8 puro che abbiamo
Steyn, Polledri, Negri sono dei flanker adattabili ma non degli 8, anche nel club giocano in altre posizioni
Se avessimo qualche seconda linea in piu' a me piacerebbe vedere Fede Ruzza timonare la mischia (lui sta crescendo anche in rimessa laterale, contro Northampton, seppur privo di Lawes, finche è rimasto in campo la touche ha funzionato alla grande). Ruzza ha abilità di carrier e di tecnica individuale forse superiori a tutti. Questi 4 nomi sono sicuramente al momento piu' in palla dell'ultimo Parisse, aggiungete Mbanda e Licata delle zebre....
Ruzza è un giocatore talentuoso e atipico. Una seconda linea elusiva che avanza di tecnica e non di potenza. L'equivalente di Giammarioli in terza linea.
Mbanda è un giocatore coraggioso ed aggressivo, tra i miei preferiti, ma a livello di VI Nazioni può giocare flanker, non a n.8.
Licata sta giocando bene ed in terza linea può essere schierato ovunque.
Parisse ha tanta classe, se è in condizione può ancora essere molto utile nel prossimo VI Nazioni.
Starà a Smith decidere come e se utilizzarlo

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 19752
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da jpr williams » 2 dic 2019, 23:02

FP96 ha scritto:
2 dic 2019, 19:43
jpr williams ha scritto:
2 dic 2019, 17:53
Io parlavo di 3 come numero 8...
Quindi potrebbe finalmente godersi la nazionale in pace alla tv.
Forse così è un po' troppo secondo me :-]

Steyn ok, tutti d'accordo, poi?
Steyn, Negri e Polledri sarebbero più efficaci di lui.
E sospetto che anche M'Bandà e Licata...
La biologia...
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

speartakle
Messaggi: 3192
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da speartakle » 3 dic 2019, 9:40

io di Parisse farei a meno perchè è ora che basta.
Poi a me fanno sorridere questi giudizi che vedono tanti giocatori davanti a lui nel ruolo, quando due dei citati tipo Licata e Giammarioli a livello internazionale rimbalzavano indietro anche peggio, ma pure Mbanda di avanzamento poco poco (e sono tutti n.8 usciti dalla nazionale u20 dove non sfiguravano).
Il punto è che di giocatori dall'alto work rate e presenti in tutto il campo ne abbiamo molti che in questo momento sono superiori a Parisse, che invece ce ne siano tanti che sono meglio di lui come numero 8 ho dei dubbi.
Dovremmo cercare un 8 che gioca diversamente e a cui chiedere cose un po' diverse da quello che ci aspettiamo da Parisse.
Però ecco ribadisco il punto, tanti si lamentano di Parisse perchè non ha più punch, ma a parte Polledri Steyn (che è l'unico testato a 8 contro tier2 e il suo l'ha fatto ma giocare contro tier1 nel ruolo è un altro campionato) e Negri altri che non rimbalzino contro le difese tier1 non ne abbiamo.

Consulente
Messaggi: 1216
Iscritto il: 21 nov 2009, 17:01

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da Consulente » 3 dic 2019, 11:33

Io insisto col dire che ancora per un paio di anni Sergio puo' dare il suo contributo, ma entrando dalla panchina come impact player per 20 o 30 minuti.
Sono convinto che Smith gli fara' un discorsetto...

Avatar utente
giobart
Messaggi: 1460
Iscritto il: 18 mag 2004, 0:00
Località: Jesi

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da giobart » 3 dic 2019, 13:58

Beh come terza centro Steyn adesso è più in forma di Parisse, comunque non dimenticherei per il futuro Tuivaiti, Giammarioli e Licata (infortuni permettendo), Ruzza per me è una seconda "leggera", fantastico da mandare su in touch e abile nel gioco "rotto", come terza laterale dopo Polledri e Negri meglio Barbini di Ruzza.
La disumanità è il male più grande dell'Umanità!

Adryfrentzen
Messaggi: 1534
Iscritto il: 31 gen 2018, 12:42

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da Adryfrentzen » 3 dic 2019, 14:00

Ci sono anche diversi altri giovani che stanno facendo bene in Pro14, tipo Bianchi... e tanti ottimi prospetti. Pettinelli, Lazzaroni...
Insomma, è letteralmente l'unico reparto in cui siamo un minimo coperti.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 19752
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da jpr williams » 3 dic 2019, 15:25

E ben per questo...
Capisco ParTisse fosse una seconda linea, dove non abbiamo nessuno, ma in terza linea potremmo tranquillamente fare a meno di uno che da almeno un paio d'anni in nazionale è totalmente inconsistente.
Al punto che le migliori prestazioni che io ricordi le abbiamo fatte SENZA di lui, in primi la partita con l'Eire al 6N.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

TEONE
Messaggi: 1061
Iscritto il: 28 feb 2005, 0:00

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da TEONE » 3 dic 2019, 16:08

Beh ad oggi, per il livello con cui dobbiamo competere (6 nazioni in primis) solo la terza linea può ritenersi competitiva, fermo restando che Sergio non è certamente l'uomo della differenza.
Quanto ai numeri 8, mi pare che quelli titolari (e anche riserve) nelle altre Tier 1 siano "fatti" un pò diversi da tutti quelli che potremmo schierare noi. E che in molti non si siano fatti grandi scrupoli nel fare equiparazioni mirate. Ne potrei citare una decina, anche senza scomodare il buon Vunipola.
Per quanto riguarda le seconde poi stendiamo un velo pietoso. Oramai, per quanto mi riguarda, aspetto i vari Cannone, Canali & Co.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 19752
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Osservatorio italiani all'estero

Messaggio da jpr williams » 3 dic 2019, 16:11

Cannone mi piacerebbe tanto vederlo esordire al 6N.
Credo sia maturo almeno per essere provato in uno scampolo di partita per vedere come e se regge il livello o, al limite, quanto è distante dal poterlo reggere.
Con lui e Ruzza secondo me avremmo un bel reparto e, particolare per me non secondario, totalmente italo-italiano.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.

Rispondi

Torna a “La Federazione e la Nazionale”