Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Sezione Dedicata a discussioni e chiarimenti sul regolamento, ed alle diverse sezioni arbitrali regionali.

Moderatore: ale.com

profetacciato
Messaggi: 1494
Iscritto il: 2 lug 2007, 11:03

Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da profetacciato » 22 gen 2020, 18:56

Nigel Owens sostiene che la prima cosa che cambierebbe nel rugby moderno è una riduzione del numero di sostituzioni. La penso anch'io così per cercare di diminuire il numero di infortuni

https://www.onrugby.it/2020/01/22/nigel ... pjdJRlMJSs

Di recente anche Jeremy Guscott ne aveva parlato

https://www.ruck.co.uk/jeremy-guscott-c ... aw-change/
Propongo l'introduzione dell'arbitro di mischia ordinata.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21770
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da jpr williams » 23 gen 2020, 7:09

Con tutto il rispetto per il grande Nigel mi sembra un'assurdità.
Talvolta la sostituzione di un giocatore affaticao ha proprio l'effetto di evitare un infortunio, che quando sei meno lucido per la stanchezza è più probabile.
Non esiste al mondo che uno giochi col freno a mano tirato perchè ci sono meno sostituzioni.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

speartakle
Messaggi: 3653
Iscritto il: 11 giu 2012, 0:14

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da speartakle » 23 gen 2020, 11:44

Per me l'unico freno efficacie in questo senso, per ridurre il cosiddetto Kilorugby sarebbe, come anche da altre parti suggerito, il limite di peso per squadra, magri differenziato tra mischia e trequarti (per campionati e manifestazioni professionistiche).

é però una soluzione abbastanza cervellotica e probabilmente difficile da mettere in pratica. Immagino si dovrebbero pesare i giocatori prima di ogni gara (tipo i pugili) e aggiungere ulteriore burocrazia e controlli.
Poi le squadre dovrebbero fare le proprie valutazioni sulla composizione della rosa, della serie:
- se ingaggio Billy Vunipola, poi devo prendere far dimagrire tutti i piloni?
- se ingaggio Nadolo, poi tra i tre quarti posso schierare solo giocatori come Minozzi?

é una cosa che non mi dispiacerebbe, ma credo che esisterà solo in universo parallelo...

m.map
Messaggi: 1143
Iscritto il: 22 ago 2006, 13:09

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da m.map » 23 gen 2020, 12:27

io comincerei con una seria lotta al doping


(anche questa va nell'universo parallelo)

profetacciato
Messaggi: 1494
Iscritto il: 2 lug 2007, 11:03

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da profetacciato » 23 gen 2020, 12:45

jpr williams ha scritto:
23 gen 2020, 7:09
Con tutto il rispetto per il grande Nigel mi sembra un'assurdità.
Talvolta la sostituzione di un giocatore affaticao ha proprio l'effetto di evitare un infortunio, che quando sei meno lucido per la stanchezza è più probabile.
Non esiste al mondo che uno giochi col freno a mano tirato perchè ci sono meno sostituzioni.
Non è questione di freno a mano, ma di dosare lo sforzo. Se so che devo correre 100 metri li faccio a tutta, se devo farne 10mila doso lo sforzo, non ti pare?
Vuol dire lavorare più sulla resistenza che sulla forza. Gli infortuni spesso capitano perché l'atleta stanco si trova a scontrarsi con quelli freschi.
Propongo l'introduzione dell'arbitro di mischia ordinata.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21770
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da jpr williams » 24 gen 2020, 10:23

Premesso che sono d'accordo con m.map, ti posso dire, avendo giocato, che dosare lo sforzo nel rugby non esiste.
Devi correre e prendere e dare botte, non puoi dosare un bel niente.
Anzi, io le sostituzioni le aumenterei perchè un giocatore stanco è un pericolo per sé e per gli avversari.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

profetacciato
Messaggi: 1494
Iscritto il: 2 lug 2007, 11:03

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da profetacciato » 25 gen 2020, 10:31

jpr williams ha scritto:
24 gen 2020, 10:23
Premesso che sono d'accordo con m.map, ti posso dire, avendo giocato, che dosare lo sforzo nel rugby non esiste.
Devi correre e prendere e dare botte, non puoi dosare un bel niente.
Anzi, io le sostituzioni le aumenterei perchè un giocatore stanco è un pericolo per sé e per gli avversari.
così si va a 100 all'ora per tutta la partita e gli scontri diventano sempre più forti. Gli infortuni crescono invece di diminuire
Propongo l'introduzione dell'arbitro di mischia ordinata.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21770
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da jpr williams » 25 gen 2020, 11:48

Credo che un rugbysta vada sempre al massimo: andare a meno, ecco, quello si ti espone a rischi di infortunio.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

FP96
Messaggi: 634
Iscritto il: 4 giu 2019, 13:36

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da FP96 » 25 gen 2020, 12:57

Sono d'accordo, dire "andate più piano" non risolverà alcun problema, anche perché se vai "al risparmio" su una collisione e dall'altra parte carica Etzebeth... non so come va a finire. Poi certamente la questione degli impatti e del rugby ad autoscontri va affrontata, ma non penso che diminuire le sostituzioni sia la soluzione.

Anzi, volendo si potrebbe seguire lo schema del mondiale under20, ovvero tutta la rosa dei convocati in panchina e 8 sostituzioni, in modo che l'allenatore possa scegliere al momento il giocatore giusto per quella situazione di partita, aumentando il livello tecnico della stessa. Inoltre, in questo modo in caso di infortuni dei compagni non diventa più necessario adattare giocatori o far rientrare in campo giocatori usciti esausti: se si fa male una terza linea o un pilone e al 70' deve rientrare qualcuno che ha già preso botte per un'ora, il rischio di farsi male diventa molto più alto.

profetacciato
Messaggi: 1494
Iscritto il: 2 lug 2007, 11:03

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da profetacciato » 8 feb 2020, 18:43

Il discorso meno sostituzioni per meno infortuni è stato esposto - molto meglio di quanto fatto da me - da Vittorio Munari nell'intervallo di Sco-Ing. Spero qualcuno l'abbia ascoltato.Sempre che World Rugby ne discuta a marzo.
Per me da sottoscrivere
Propongo l'introduzione dell'arbitro di mischia ordinata.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21770
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da jpr williams » 9 feb 2020, 11:43

Non cambio certo idea perchè lo dice Munari. Peraltro credo di essere d'accordo con lui solo su che ora è se abbiamo un solo orologio...
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Luqa-bis
Messaggi: 5452
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da Luqa-bis » 12 feb 2020, 12:30

La questione di avere una rosa più ampia in panchina ha un senso se si intende garantire la competitività per tipologia di atleta, che ad oggi è solo per le prime linee, ma non ne vedo la necessità, anzi.
Se scegli una panchina 6-2 e poi devi sostituire 4 3/4 devi ricorrere prima a chi non ha giocato, anche se è un pilone e poi richiami chi non è uscito per infortunio o colpo alla testa.

La proposta di Owens è legata al confronto vecchio rugby, rugby moderno, football americano.

Oggi gli sforzi dei giocatori di prima linea e di parte del pacchetto sono misurati col bilancino, al fine di massimizzare la preparazione su forza e velocità anche a discapito della resistenza.

Quindi attorno al 50'-60' ci si trova con 7-8 atleti freschi e 7-8 con un'ora sulle gambe.
mezza squadra fresca, mezza no. negli avanti fresca per il 65-75% , nel reparto arretrato 25-30%.

L'idea è: se limito le scelte tecniche i giocatori dovranno essere preparati per reggere 80' non 50', quindi più lavoro sulla resistenza, meno su velocità e forza, e quindi , o avrò impatti con meno energia, o avrò avanti più stanchi che apriranno più spazi.

Oppure passiamo ad una ipotesi di 3 tempi di 30' con cambio obbligato di tutta la squadra entro il 60'.
E magari cambio dell'arbitro che ora come ora si fa tutta la partita a 40 anni

profetacciato
Messaggi: 1494
Iscritto il: 2 lug 2007, 11:03

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da profetacciato » 12 feb 2020, 15:12

Luqa-bis ha scritto:
12 feb 2020, 12:30
La questione di avere una rosa più ampia in panchina ha un senso se si intende garantire la competitività per tipologia di atleta, che ad oggi è solo per le prime linee, ma non ne vedo la necessità, anzi.
Se scegli una panchina 6-2 e poi devi sostituire 4 3/4 devi ricorrere prima a chi non ha giocato, anche se è un pilone e poi richiami chi non è uscito per infortunio o colpo alla testa.

La proposta di Owens è legata al confronto vecchio rugby, rugby moderno, football americano.

Oggi gli sforzi dei giocatori di prima linea e di parte del pacchetto sono misurati col bilancino, al fine di massimizzare la preparazione su forza e velocità anche a discapito della resistenza.

Quindi attorno al 50'-60' ci si trova con 7-8 atleti freschi e 7-8 con un'ora sulle gambe.
mezza squadra fresca, mezza no. negli avanti fresca per il 65-75% , nel reparto arretrato 25-30%.

L'idea è: se limito le scelte tecniche i giocatori dovranno essere preparati per reggere 80' non 50', quindi più lavoro sulla resistenza, meno su velocità e forza, e quindi , o avrò impatti con meno energia, o avrò avanti più stanchi che apriranno più spazi.

Oppure passiamo ad una ipotesi di 3 tempi di 30' con cambio obbligato di tutta la squadra entro il 60'.
E magari cambio dell'arbitro che ora come ora si fa tutta la partita a 40 anni
L'idea è: se limito le scelte tecniche i giocatori dovranno essere preparati per reggere 80' non 50', quindi più lavoro sulla resistenza, meno su velocità e forza, e quindi , o avrò impatti con meno energia, o avrò avanti più stanchi che apriranno più spazi.

Questo è il nocciolo della questione: impatti con meno energia, lavorare più sulla resistenza. Oggi si lavora per avere forza ed esprimerla in tempi rapidi, è questo che va cambiato
Propongo l'introduzione dell'arbitro di mischia ordinata.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 21770
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da jpr williams » 12 feb 2020, 15:16

profetacciato ha scritto:
12 feb 2020, 15:12
o avrò impatti con meno energia, o avrò avanti più stanchi che apriranno più spazi.
...o avrò giocatori più stanchi, meno lucidi e quindi più predisposti a farsi male.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

profetacciato
Messaggi: 1494
Iscritto il: 2 lug 2007, 11:03

Re: Meno sostituzioni per diminuire gli infortuni

Messaggio da profetacciato » 12 feb 2020, 15:38

jpr williams ha scritto:
12 feb 2020, 15:16
profetacciato ha scritto:
12 feb 2020, 15:12
o avrò impatti con meno energia, o avrò avanti più stanchi che apriranno più spazi.
...o avrò giocatori più stanchi, meno lucidi e quindi più predisposti a farsi male.
Aridagli. Senza sostituzioni devono aumentare gli allenamenti sulla RESISTENZA. Oggi ci si allena molto sulla forza e poco sulla resistenza, così chi resta in campo è molto più a rischio
Propongo l'introduzione dell'arbitro di mischia ordinata.

Rispondi

Torna a “Arbitri e Regolamento”