Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Sezione Dedicata a discussioni e chiarimenti sul regolamento, ed alle diverse sezioni arbitrali regionali.

Moderatore: ale.com

Rispondi
Ilgorgo
Messaggi: 10221
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da Ilgorgo » 17 gen 2020, 9:32

Non sapevo dove metterlo, apro una discussione apposita

Brian Moore sul Daily Telegraph propone tre modifiche regolamentari: il proposito è creare più gioco all'interno di una partita annullando alcune fasi lente. Così riassume le tre proposte OnRugby

1 – Eliminare la trasformazione
2 – Mettere un tempo limite per la ripresa del gioco da mischia e touche
3 – Cronometro di 5″ per i calci nel box da parte dei mediani di mischia

www.onrugby.it/2019/12/31/3-proposte-pe ... -di-rugby/

Sulla prima sono da sempre d'accordo anch'io; non tanto per eliminare "tempi morti" ma perché i due punti assegnati alla trasformazione mi sembrano troppi rispetto ai cinque di una fase ben più importante e fondante come la meta. Però se si parla di 7s sono d'accordo anche sul fatto che la trasformazione crea eccessiva sospensione nel gioco, considerando che le partite durano solo 14' e una trasformazione porta via almeno mezzo minuto; quindi nel caso del sevens sono doppiamente d'accordo con Moore.
I punti 2 e 3 invece non mi sembrano necessari; a me non disturba il fatto che ci siano momenti di rallentamento o di attesa durante il gioco, il rugby è una specie di battaglia e durante le battaglie si alternano momenti di feroce combattimento a momenti di riflessione e tregua

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20986
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da jpr williams » 17 gen 2020, 10:57

Ilgorgo ha scritto:
17 gen 2020, 9:32
1 – Eliminare la trasformazione
2 – Mettere un tempo limite per la ripresa del gioco da mischia e touche
3 – Cronometro di 5″ per i calci nel box da parte dei mediani di mischia
1- ma per carità, ma che idiozia.
2- magari; e da sanzionare come antigioco.
3 - immane stronzata
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Avatar utente
diddi
Messaggi: 2464
Iscritto il: 28 feb 2006, 0:00
Località: Roma

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da diddi » 17 gen 2020, 14:27

1 - E' contro le radici del rugby: in inglese si chiama "try" perché una volta la meta dava solo il diritto a tentare ("try") la trasformazione, che era l'unico modo per fare punti. Aldilà delle considerazioni storico-sentimentali, spesso le mete vengono alla fine di fasi di gioco particolarmente intense e logoranti, una pausa per prendere il fiato è opportuna anche per prevenire infortuni. Sarei d'accordo nell'introdurre un limite di tempo stringente con un cronometro ben visibile, come avviene nell'atletica leggera per i lanci o i salti, così da non dovermi sorbire l'interminabile pantomima sui calci di Farrell (immagino che JPR sia d'accordo). Non sarei contrario nemmeno al drop obbligatorio, come nel 7s.
2 e 3 - Accelerare o rallentare il gioco è questione di tattica e fa parte dell'intelligenza applicata al gioco. Se si esagera a rallentarlo, la punizione è già prevista (calcio libero), basta applicarla.
Peterino
Chi sa fa, chi non sa insegna a fare

Ilgorgo
Messaggi: 10221
Iscritto il: 21 lug 2005, 0:00

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da Ilgorgo » 17 gen 2020, 16:25

diddi ha scritto:
17 gen 2020, 14:27
1 - E' contro le radici del rugby: in inglese si chiama "try" perché una volta la meta dava solo il diritto a tentare ("try") la trasformazione, che era l'unico modo per fare punti. Aldilà delle considerazioni storico-sentimentali, spesso le mete vengono alla fine di fasi di gioco particolarmente intense e logoranti, una pausa per prendere il fiato è opportuna anche per prevenire infortuni. Sarei d'accordo nell'introdurre un limite di tempo stringente con un cronometro ben visibile, come avviene nell'atletica leggera per i lanci o i salti, così da non dovermi sorbire l'interminabile pantomima sui calci di Farrell (immagino che JPR sia d'accordo). Non sarei contrario nemmeno al drop obbligatorio, come nel 7s.
...
Però le radici sono già state rivoltate da tempo, da quando si è iniziato a dare valore alla meta (e a toglierlo pian piano alla sua trasformazione) passando pian piano da try=0 e goal=1 a try=5 e goal=2. Da un paio di stagioni le mete tecniche prevedono già che non si calci la trasformazione. Io insomma non sentirei l'eliminazione delle trasformazioni come una blasfemia storica. Magari si potrebbe addivenire a un compromesso: mete 6 punti, trasformazione 1.
Sono invece d'accordo sul fatto che le trasformazioni rappresentano un benvenuto "iato" tra la fase di gioco fisicamente intensa e cmq emozionante che ha portato alla meta e la ripresa del gioco; da questo punto di vista hanno una funzione anche secondo me positiva

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20986
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da jpr williams » 17 gen 2020, 19:34

La trasformazione, tranne quella giustamente abolita per le penalty try, è un particolare tecnicamente rilevante per due motivi:

-la necessità di aggiungere due punti differenzia fra mete "facili" ottenute sull'out e mete "difficili" sotto i pali
-chiama in causa le abilità balistiche dei calciatori nel caso di meta "facile"
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

BARRY JOHN
Messaggi: 5
Iscritto il: 15 gen 2020, 21:07

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da BARRY JOHN » 18 gen 2020, 15:29

Anche a me sembrano delle grandi scemenze. Una volta si diceva che nel rugby le regole erano figlie del gioco. Adesso, forse, saranno ancora figlie del gioco ma il gioco è, a sua volta, figlio di una madre e matrona che si chiama televisione. Madre e matrona che molto dà ma anche molto (anzi, di più) pretende. E in nome delle esigenze televisive si cerca di fare di tutto per aumentare lo "spettacolo" che, secondo i soloni di WR, consisterebbe nell'aumento del tempo effettivo di gioco. Ma Sant'Iddio, a nessuno di questi signori passa per la mente che la pause, in uno sport di combattimento e di fatica come il rugby, sono salutari oltreché fisiologiche? E che l'aumento del gioco effettivo produrrà molti più infortuni e che costringerà i giocatori a ritmi agonistici umanamente insopportabili? Duro fatica a comprendere che strada voglia prendere il rugby del futuro ma ho l'impressione che non mi piacerà.

FP96
Messaggi: 594
Iscritto il: 4 giu 2019, 13:36

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da FP96 » 19 gen 2020, 22:47

1) Eliminare le trasformazioni lo troverei uno snaturamento totale senza senso (anche se l'Italia raddoppierebbe le vittorie stagionali :lol: ) che svaluterebbe una caratteristica fondamentale del rugby, ovvero il saper calciare in mezzo ai pali. Piuttosto penserei di dare 7 punti automatici per le mete in mezzo ai pali (così come da poco hanno tolto la trasformazione sulla meta tecnica) ma lascerei le trasformazioni per tutto il resto.

2) Le fasi di pausa sono un momento fondamentale per il recupero dei giocatori, soprattutto degli avanti: se iniziamo a togliere anche queste "pause naturali" si arriverebbe a una deriva davvero pericolosa, e mi sembra davvero assurdo che a proporre una cosa del genere sia un ex giocatore di prima linea.

3) In teoria la regola ci sarebbe già, ma nessuno la fa applicare realmente.

Avatar utente
jpr williams
Messaggi: 20986
Iscritto il: 26 mar 2012, 11:58
Località: Gottolengo (BS)
Contatta:

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da jpr williams » 20 gen 2020, 11:04

FP96 ha scritto:
19 gen 2020, 22:47

2) Le fasi di pausa sono un momento fondamentale per il recupero dei giocatori, soprattutto degli avanti: se iniziamo a togliere anche queste "pause naturali" si arriverebbe a una deriva davvero pericolosa, e mi sembra davvero assurdo che a proporre una cosa del genere sia un ex giocatore di prima linea.
Est modus in rebus.
Trovo che i reset delle mischie comportino ormai stabilmente degli ingiustificabili tempi biblici, così come le transumanze condite da conciliaboli in occasione delle touche.
Molto spesso sono anche furbate della squadra in difficoltà per far girare il cronometro, magari per tamponare un cartellino.
Tutta roba che se fossi arbitro punirei con una durezza da inquisizione spagnola.
Il pro>12 è un'aberrazione palancaia.
I Permit Players sono la morte del concetto di leale competizione.
Il rugby secondo la FIR: una Nazionale, due squadre e un esercito di sguatteri.
Siamo tutti sulla stessa barca, "il bracciante" del megadirettore Marchese Conte Barambani

Luqa-bis
Messaggi: 5291
Iscritto il: 18 mag 2011, 10:17

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da Luqa-bis » 12 feb 2020, 12:43

Mah

Preferisco.

1. Possibilità di trasformare con calcio al volo .
1bis. Modifica punteggi, a me quelli stratosferici danno uggia: 3 meta, 1 trasformazione, 1 punizione - Dopo calcio di punizione, la squadra che ha battuto riparte con una mischia dal punto del calcio (come un tiro libero della pallacanestro), dai 22 metri se il fallo era interno all'area dei 22 offensivi.
1ter. A me non dispiacerebbe nemmeno premiare il calcio al volo (tipo gaelico o aussie) - se segni 1 punto, se sbagli mischia per gli altri da dove hai calciato.

2. Massimo 3 ingaggi consecutivi. Dopo il terzo la squadra che immette riparte come se avesse una rimessa dai 22 ma allineata dal punto di ingaggio.
3. Chi esce per scelta tecnica non rientra (nemmeno in prima linea) . Si passa alle no contest

Fantasyste
Messaggi: 3230
Iscritto il: 8 mag 2015, 13:21

Re: Le tre proposte di Moore per intensificare il gioco

Messaggio da Fantasyste » 13 feb 2020, 14:21

Ilgorgo ha scritto:
17 gen 2020, 9:32
Non sapevo dove metterlo, apro una discussione apposita

Brian Moore sul Daily Telegraph propone tre modifiche regolamentari: il proposito è creare più gioco all'interno di una partita annullando alcune fasi lente. Così riassume le tre proposte OnRugby

1 – Eliminare la trasformazione
2 – Mettere un tempo limite per la ripresa del gioco da mischia e touche
3 – Cronometro di 5″ per i calci nel box da parte dei mediani di mischia

www.onrugby.it/2019/12/31/3-proposte-pe ... -di-rugby/

Sulla prima sono da sempre d'accordo anch'io; non tanto per eliminare "tempi morti" ma perché i due punti assegnati alla trasformazione mi sembrano troppi rispetto ai cinque di una fase ben più importante e fondante come la meta. Però se si parla di 7s sono d'accordo anche sul fatto che la trasformazione crea eccessiva sospensione nel gioco, considerando che le partite durano solo 14' e una trasformazione porta via almeno mezzo minuto; quindi nel caso del sevens sono doppiamente d'accordo con Moore.
I punti 2 e 3 invece non mi sembrano necessari; a me non disturba il fatto che ci siano momenti di rallentamento o di attesa durante il gioco, il rugby è una specie di battaglia e durante le battaglie si alternano momenti di feroce combattimento a momenti di riflessione e tregua
Quarta modifica regolamentare:
- fargli arbitrare una partita guardando così più il cronometro che il gioco

Concordo sui tempi di ripresa del gioco (fallo a favore della squadra e 10 metri)

Rispondi

Torna a “Arbitri e Regolamento”